Consulenza gratuita:
(Lun. - Ven.: 09:00 - 18:00)
Riabilitazione / Clinica

Una nuova revisione esamina gli effetti degli esoscheletri robotici sul recupero della capacità di camminare nelle persone con lesioni cerebrali acquisite

Un team di ricercatori del New Jersey ha esaminato le prove degli effetti degli esoscheletri robotici sul recupero della deambulazione nelle persone con lesioni cerebrali acquisite e ha stabilito un quadro sistematico per la valutazione di tali dispositivi, necessario per studi di ricerca rigorosi. L'articolo ad accesso libero "Lower extremity robotic exoskeleton devices for overground ambulation recovery in acquired brain injury - A review" (doi: 10.3389/fnbot.2023/1014616) è stato pubblicato il 25 maggio 2023 in Frontiere della neurorobotica pubblicato.

Gli autori sono Kiran Karunakaran, PhD, Sai Pamula, Caitlyn Bach, Soha Saleh, PhD, e Karen Nolan, PhD, del Center for Mobility and Rehabilitation Engineering Research della Fondazione Kessler, ed Eliana Legelen, MA, della Montclair State University.

La lesione cerebrale acquisita è stata definita come paralisi cerebrale, lesione cerebrale traumatica o ictus. La revisione si è concentrata su 57 studi pubblicati sull'allenamento in superficie con esoscheletri robotici indossabili. Il manoscritto fornisce una panoramica completa della ricerca clinica e preclinica sugli effetti terapeutici di diversi dispositivi.

"Nonostante i rapidi progressi nello sviluppo e nella tecnologia degli esoscheletri robotici. l'efficacia di tale dispositivi non è ancora pienamente compreso. Questa revisione pone le basi per comprendere le lacune di conoscenza che esistono attualmente nella ricerca sulla riabilitazione robotica", ha detto l'autore principale e autore corrispondente, il dottor Karunakaran, riferendosi alle molte variabili tra i dispositivi e le caratteristiche cliniche della lesione cerebrale acquisita. "I meccanismi di controllo, ad esempio, variano molto tra questi dispositivi, il che ha un grande impatto sul modo in cui viene eseguito l'addestramento", ha aggiunto. "C'è anche una grande variabilità in altri fattori che influenzano il corso del recupero, compresi i tempi, la durata, il dosaggio e l'intensità dell'allenamento in questi dispositivi".

Lo sviluppo di un quadro per la ricerca futura richiede un approccio completo basato sulla diagnosi, sullo stadio di recupero e sul dominio, ha detto la co-autrice Karen J. Nolan, PhD, vicedirettore del Center for Mobility and Rehabilitation Engineering Research e direttore dell'Acquired Brain Injury Mobility Laboratory. "Grazie a questo approccio, troveremo i modi ottimali per utilizzare gli esoscheletri robotici per gli arti inferiori, al fine di migliorare la mobilità delle persone con lesioni cerebrali acquisite", ha detto la dottoressa Nolan.

È importante notare che la nostra rassegna è unica in quanto presenta sia le valutazioni a valle (funzionali, biomeccaniche, fisiologiche) che a monte (corticali) dopo la riabilitazione con diversi dispositivi robotici per diversi tipi di lesioni cerebrali acquisite. Ogni dispositivo deve essere valutato per dominio, in ogni popolazione e in tutte le fasi del recupero. Questo è il margine necessario per determinare la risposta al trattamento".

Kiran Karunakaran, PhD, primo autore

Fonte: Una nuova revisione esamina gli effetti degli esoscheletri robotici sul recupero della capacità di camminare nelle persone con lesioni cerebrali acquisite (news-medical.net)

Tom Illauer

Tutti i contributi di: 
it_ITItalian