Consulenza gratuita:
(Lun. - Ven.: 09:00 - 18:00)

Uomo e macchina: confini fluidi?

Gli esoscheletri formano una simbiosi tra uomo e macchina. Gli "scheletri" attaccati all'esterno del corpo possono essere utilizzati in vari modi. Ma qual è il potenziale specifico?

Gli esoscheletri consentono alle persone di muovere le parti del corpo colpite, nonostante le limitazioni motorie.
Gli esoscheletri consentono alle persone di muovere le parti del corpo interessate nonostante le disabilità motorie.(© chudakov2 - Getty Images Pro via Canva.com)

La connessione tra uomo e macchina attraverso gli esoscheletri segna una pietra miliare tecnologica - gli esoscheletri sono un primo passo sulla strada di questo sviluppo. Le strutture biomeccaniche sono attaccate al corpo umano come 'scheletri esterni' e in questo modo supportano, rinforzano o consentono diversi movimenti.

Nuovi standard di prestazioni umane?

Gli esoscheletri possono quindi superare le limitazioni fisiche. Combinano l'anatomia umana con i progressi tecnici della robotica e possono estendere le capacità fisiche del corpo umano. Utilizzando sensori e motori precisi, gli esoscheletri riconoscono e comprendono i movimenti di chi li indossa, per amplificarli o correggerli. Questa tecnologia viene utilizzata in applicazioni mediche, industriali e militari.

In medicina, ad esempio, gli esoscheletri supportano i pazienti durante la riabilitazione dopo lesioni o ictus, favorendo movimenti mirati. Nelle applicazioni industriali, consentono ai lavoratori di sollevare carichi pesanti, aumentando l'efficienza e riducendo al minimo il rischio di lesioni. In ambito militare, gli esoscheletri possono fornire ai soldati forza e resistenza supplementari.

Si distingue tra esoscheletri attivi e passivi. La differenza principale sta nel modo in cui il dispositivo sostiene la persona. Gli esoscheletri attivi utilizzano un motore e funzionano grazie all'aria compressa. Gli esoscheletri passivi, invece, utilizzano componenti meccanici come molle o cinghie elastiche per il supporto. Di conseguenza, gli esoscheletri attivi offrono alle persone un maggiore supporto, ma sono anche più pesanti. Questo non solo li rende più ingombranti, ma può anche essere percepito come un peso se indossato per lunghi periodi di tempo.

Scheletro extra vs. muscoli extra

L'azienda Myoswiss ha presentato un nuovo approccio agli esoscheletri alla fiera medica Medica di quest'anno a Düsseldorf. La cosiddetta Myosuit riprende l'idea degli esoscheletri, ma segue una visione diversa. A differenza di un esoscheletro rigido, si indossa come una salopette e si copre come uno strato extra di muscoli.

Funziona come un'ortesi attiva che consente alle persone con limitazioni di mobilità alle gambe di allenare le attività di forza, resistenza ed equilibrio. La Myosuit supporta i movimenti iniziati dall'utente, riconoscendo i segnali muscolari deboli e attivando il sostegno e la forza individuale nella zona dell'anca e delle gambe attraverso il movimento ortesico. La tuta è pratica e leggera e può essere utilizzata sia in fisioterapia che nella vita quotidiana.

Tom Illauer

Tutti i contributi di: 
it_ITItalian