Consulenza gratuita:
(Lun. - Ven.: 09:00 - 18:00)

L'esoscheletro robotico di un veterano paraplegico

La veterana del Corpo dei Marines Brittany Elliott ha passato anni a lottare per ottenere il dispositivo che la aiuta a camminare - ora spera di fare lo stesso per altri veterani.

Brittany Elliott, veterana del Corpo dei Marines, è diventata paraplegica in un incidente stradale. Un guidatore ubriaco ha oltrepassato un semaforo e ha colpito l'auto che lei stava guidando. Ma con l'aiuto di un esoscheletro robotico, è in grado di camminare di nuovo.
FOTO: PER GENTILE CONCESSIONE DELLA FAMIGLIA ELLIOTT

Un incidente d'auto ha lasciato la veterana del Corpo dei Marines Brittany Elliott paraplegica otto anni fa, ma con l'aiuto della tecnologia e della sua determinazione, è in grado di camminare di nuovo grazie a un esoscheletro robotico.

Ora sta raccontando la sua storia ai legislatori di Washington, D.C., e sta lavorando con altri veterani per creare lo STAND Act, una legge annunciata la scorsa settimana che renderà più facile l'accesso a questi esoscheletri da parte di altri veterani disabili che ne hanno bisogno.

"La mia missione è quella di sensibilizzare l'opinione pubblica su questo dispositivo", afferma Elliott, 33 anni, che vive con suo padre a Red Boiling Springs, nel Tennessee. "Non è fantascienza, è vita reale. Rimettersi in piedi e muoversi porta molto di più che camminare".

Elliott stava frequentando un corso per il porto d'armi un sabato di febbraio 2013, quando un marine l'ha vista sparare e le ha chiesto che lavoro facesse e se avesse pensato di entrare nell'esercito. Ha inviato un reclutatore al Wal-Mart di Lenoir City, Tennessee, dove lei lavorava come tecnico farmaceutico, e lei si è arruolata nel Corpo dei Marines quel venerdì.

Sei mesi dopo, Elliott è stata dimessa da un medico dopo essersi rotta il femore destro in un incidente di addestramento. Le fu detto che avrebbe avuto bisogno di due anni per guarire la gamba, dopodiché avrebbe programmato di tornare.

"Stavo facendo il conto alla rovescia", dice, "Tutto quello che volevo fare era tornare in servizio. Avevo davvero trovato quello che pensavo fosse il mio posto". Si è allenata per l'idoneità fisica e la preparazione al combattimento, dice, "per dimostrare che potevo tornare in servizio".

Brittany Elliott, veterana del Corpo dei Marines, è diventata paraplegica in un incidente stradale. Un guidatore ubriaco ha oltrepassato un semaforo e ha colpito l'auto che lei stava guidando. Ma con l'aiuto di un esoscheletro robotico, è in grado di camminare di nuovo.
Brittany Elliott a Washington, D.C. CON RICONOSCIMENTO DELLA FAMIGLIA ELLIOTT

Circa un mese prima di poter sostenere il test di idoneità, il 3 luglio 2015, stava guidando un'auto in cui erano seduti la sua ragazza di allora e alcuni amici, quando "un guidatore ubriaco è passato con il rosso e ci ha investito frontalmente", racconta.

"In quel momento, ho capito che non sarei stata in grado di tornare a nessun tipo di servizio per sempre", dice. "Non avevo idea di cosa avrei fatto".

Brittany Elliott, veterana del Corpo dei Marines, è diventata paraplegica in un incidente stradale. Un guidatore ubriaco ha oltrepassato un semaforo e ha colpito l'auto che lei stava guidando. Ma con l'aiuto di un esoscheletro robotico, è in grado di camminare di nuovo.
Brittany Elliott in ospedale. CON IL GENTILE PERMESSO DELLA FAMIGLIA ELLIOTT

Oltre a un colpo di frusta e a una commozione cerebrale, Elliott ha subito una lesione al midollo spinale che l'ha lasciata paralizzata.

"Ho perso la capacità di fare qualsiasi cosa", dice.

Ha guardato i fuochi d'artificio dal suo letto d'ospedale il 4 luglio. Una settimana dopo, ha compiuto 25 anni ed è stata ricoverata in terapia intensiva.

Ha letto su Internet dell'esoscheletro robotico ReWalk, che permette ai tetraplegici di camminare. Ha visto che il VA stava conducendo uno studio.

"Ho chiesto e chiesto alle persone fino a quando non sono stata ammessa allo studio", racconta la donna. Si è recata all'ospedale VA di St. Louis, nel Missouri, nell'aprile 2018, dove è stata istruita sul dispositivo e lo ha portato a casa per 12 settimane. Le è piaciuto molto.

"Posso camminare così", dice. Riesce persino a salire le scale.

Brittany Elliott, veterana del Corpo dei Marines, è diventata paraplegica in un incidente stradale. Un guidatore ubriaco ha oltrepassato un semaforo e ha colpito l'auto che lei stava guidando. Ma con l'aiuto di un esoscheletro robotico, è in grado di camminare di nuovo.
Brittany Elliott ai Giochi Nazionali in sedia a rotelle. KRISTI KOEHLER DI REWALK ROBOTICS PER L'IMMAGINE 2 AI GIOCHI NAZIONALI IN SEDIA A ROTELLE.

Quando è sulla sedia a rotelle, dice Elliott, le persone tendono a ignorarla o a chiedere direttamente a suo padre: "Cos'ha che non va?".

"È come se pensassero che sia contagioso", dice. "La mia sedia è le mie gambe, ma non mi definisce. È il modo in cui cammino. Ma quando mi siedo in un esoscheletro, le persone mi parlano. Non ne hanno paura, anche se sembra un robot".

La differenza nel modo in cui le persone la trattavano ha portato a miglioramenti nella sua salute mentale e fisica. La sua densità ossea e il controllo della vescica sono migliorati e ha perso peso.

Ma poi ha dovuto restituirlo.

"È stato molto crudele", dice suo padre Morgan Elliott, un ex camionista che ora si occupa di lei a tempo pieno.

Elliott ha lottato per anni per ottenere il suo esoscheletro personale. Nell'aprile del 2022, finalmente l'ha ottenuto.

"Nessun veterano dovrebbe mai combattere la battaglia che ho combattuto io per ottenere questa tecnologia", dice. "Vorrebbe combattere per quattro anni per ottenere qualcosa che ha fatto una tale differenza nella sua vita?".

Brittany Elliott, veterana del Corpo dei Marines, è diventata paraplegica in un incidente stradale. Un guidatore ubriaco ha oltrepassato un semaforo e ha colpito l'auto che lei stava guidando. Ma con l'aiuto di un esoscheletro robotico, è in grado di camminare di nuovo.
Brittany Elliott nel suo esoscheletro robotico. PER GENTILE CONCESSIONE DELLA FAMIGLIA ELLIOTT

Porta l'esoscheletro in luoghi pubblici, da Disney alle riunioni dei veterani americani disabili, fino alla partita di calcio del Congresso. Elliott ama andare in luoghi dove ci sono molti altri veterani disabili che hanno perso la capacità di camminare, per mostrare loro la tecnologia e dare loro speranza.

"Alcune persone non si rendono nemmeno conto che questo è possibile", dice, "e si sono semplicemente rassegnate ad una sedia. Ma non è necessario che sia così".

Suo padre, che è sempre al suo fianco, ha notato una notevole differenza in sua figlia quando è nella sua ReWalk.

"È una cosa che cambia la vita. Lo è davvero", dice suo padre. "Quando è nel suo apparecchio e siamo fuori, non vuole mai fermarsi. Vuole solo andare. Ama essere sveglia, ama fare passeggiate... È più felice quando è nel suo dispositivo e cammina nel suo dispositivo. Tutta la sua aura cambia".

Quando l'ha visto per la prima volta, gli ha fatto pensare a Robocop, dice. Le persone si avvicinano a lei e le dicono che assomiglia a un vero Transformer.

Nonostante le ferite, Elliott continua a condurre una vita attiva. Di recente, lei e suo padre hanno fatto parasailing insieme alle Hawaii e hanno nuotato con le tartarughe marine ad Aruba.

"Di solito non passo molto tempo in casa", dice, "di solito aiuto i miei colleghi veterinari".

Ha imparato a guidare; pratica lo sci adattativo e l'allenamento sugli sci; va in motoslitta e fa paracadutismo.

Brittany Elliott, veterana del Corpo dei Marines, è diventata paraplegica in un incidente stradale. Un guidatore ubriaco ha oltrepassato un semaforo e ha colpito l'auto che lei stava guidando. Ma con l'aiuto di un esoscheletro robotico, è in grado di camminare di nuovo.
Brittany Elliott in sella a una motoslitta. PER GENTILE CONCESSIONE DELLA FAMIGLIA ELLIOTT

"Sto vivendo una bella vita", dice. "L'incidente può aver cambiato la mia vita, ma non l'ha finita. Mi ha insegnato cosa conta davvero. Ho capito che potevo arrendermi e morire, o che potevo fare della vita un'avventura mozzafiato".

E ha deciso a favore di quest'ultima.

"È appena iniziato", dice, "e migliora di giorno in giorno".

Fonte: L'esoscheletro robotico di una veterana paraplegica le ha dato "una vita bellissima", e vuole che altri veterani lo abbiano (people.com)

Tom Illauer

Tutti i contributi di: 
it_ITItalian