Consulenza gratuita:
(Lun. - Ven.: 09:00 - 18:00)

Terapia robotica: tech2people apre un centro di neuroterapia a Vienna

Il nuovo centro terapeutico tech2people di Seestadt è destinato a stabilire nuovi standard nel mondo della fisioterapia e della riabilitazione austriaca sotto molti aspetti. Dall'inizio di novembre, saranno in funzione più di 20 dispositivi robotici all'avanguardia, per un valore totale di circa 1,5 milioni di euro, supervisionati da un team di nove fisioterapisti. Insieme, trattano ictus, sclerosi multipla e paraplegia con terapie ambulatoriali. Il centro promette costi accessibili e nessuna necessità di trattamenti ospedalieri.

Mercoledì si è tenuta una conferenza stampa in occasione dell'apertura del centro con Gregor Demblin, cofondatore di tech2people, Hannes Kinigadner, un paziente impegnato, Peter Eichler, Membro del Consiglio di Amministrazione di UNIQA Austria e Peter Lackner, Capo del Dipartimento di Neurologia del Klinikum Floridsdorf.

26.000 nuovi potenziali pazienti con ictus

Attualmente sono 520.000 le persone che vivono con la sclerosi multipla in Europa. Ci sono 12.000 nuovi casi ogni anno. In Austria, circa 50.000 persone dipendono da una sedia a rotelle, di cui circa 4.000 sono affette da una lesione del midollo spinale. Inoltre, 9,53 milioni di persone in Europa subiscono un ictus, con un aumento annuale di un milione di nuovi casi. L'ictus è una delle terze cause di morte in assoluto.

"In Austria, l'ordine di grandezza è di circa 26.000 nuovi pazienti con ictus all'anno. È probabile che questo numero non diminuisca in modo significativo nei prossimi anni; al contrario, potrebbe addirittura aumentare. Anche se ci aspettiamo miglioramenti nella prevenzione primaria e secondaria, la frequenza degli ictus tenderà ad aumentare a causa dell'invecchiamento della popolazione", ha dichiarato Peter Lackner, Direttore del Dipartimento di Neurologia dell'Ospedale di Floridsdorf, durante la conferenza stampa.

Cammina di nuovo in posizione eretta dopo quasi 25 anni di sedia a rotelle

Il nuovo centro terapeutico tech2people mira a fornire un "trattamento ottimale" per tutti i tipi di malattie neurologiche, tra cui ictus, sclerosi multipla e paraplegia traumatica. tech2people è stata fondata nel 2018 da Gregor Demblin, anch'egli paraplegico dal 1995. Demblin è stato in grado di camminare di nuovo in posizione eretta nel 2017 con un esoscheletro proveniente dalla Germania, dopo quasi 25 anni di sedia a rotelle.

"Il 2017 è stata un'esperienza molto formativa, perché ho provato per la prima volta un esoscheletro. È stato incredibilmente faticoso, ma è stato fantastico. Subito dopo, mi sono detta che dovevo farlo regolarmente. Poi l'ho messo in pratica e mi sono resa conto dei benefici per la mia salute. Ho capito subito che avrei dovuto rendere possibile ad altre persone di vivere questa meravigliosa esperienza", dice il fondatore di tech2people.

In collaborazione con Michael Seitlinger e Dennis Veit, è stato gradualmente creato tech2people, il primo centro ambulatoriale di neuroterapia robotica assistita in Austria. Con il sostegno degli sponsor, ora i pazienti possono accedere alla fisioterapia ambulatoriale a una tariffa oraria.

Circa 1500-1800 passi in un'ora

"Con un esoscheletro, si possono fare circa 1.500-1.800 passi in un'ora. Qui trattiamo pazienti con ictus, lesioni del midollo spinale, sclerosi multipla o lesioni cerebrali traumatiche. La qualità della terapia è fondamentale per capire se io, come persona, ho la possibilità di camminare di nuovo, se ho la possibilità di lavorare di nuovo, quanto sono indipendente e se posso continuare a vivere a casa. In definitiva, questo influenza anche la mia aspettativa di vita. Per questo ci stiamo concentrando molto sulla terapia robotica", afferma Demblin.

Secondo il fondatore, le terapie robotiche presentano enormi vantaggi. "Permettono di simulare movimenti che non sarebbero possibili con la terapia manuale, come camminare o afferrare con le gambe, ad esempio. Inoltre, consentono un allenamento estremamente efficiente, grazie al tasso di ripetizione molto più elevato. Nella terapia convenzionale con supporto manuale, probabilmente si possono raggiungere tra i 30 e i 50 passi in un'ora o addirittura in pochi anni, a seconda del livello di forma fisica".

La terapia robotica raddoppia la possibilità di tornare a camminare dopo un ictus

Oltre all'esoscheletro, il centro offre ai pazienti anche altri dispositivi. Questi includono il Lokomat, uno dei sistemi robotici più affermati e meglio studiati nella terapia neurologica, che è ormai uno standard nella neuroriabilitazione moderna.

"Ci sono aree in cui la fisioterapia robotica è già stata ampiamente studiata e provata. Per esempio, la situazione degli studi in relazione ai pazienti con ictus è molto solida. Ci sono prove evidenti che i pazienti colpiti da ictus che ricevono una terapia di deambulazione assistita dalla robotica in combinazione con la fisioterapia tradizionale hanno circa il doppio delle possibilità di tornare a camminare", ha detto Peter Lackner, uno specialista in neurologia che funge da consulente medico principale per il nuovo centro.

UNIQA come sostenitore e sponsor

Peter Eichler, membro del Consiglio di gestione per le assicurazioni personali presso UNIQA Insurance Group AG, sottolinea: "Abbiamo visto e sentito in modo impressionante l'effetto di trasformazione che questo centro può avere. È in grado di restituire un po' di autonomia alle persone che sono state duramente colpite dal destino, di rafforzare la loro autodeterminazione, di offrire loro migliori opzioni di trattamento e di aumentare la loro aspettativa di vita. In breve, offre la prospettiva di una vita migliore. Se si considera il nostro motto o visione, 'Vivere meglio insieme', tutte le nostre attività devono essere subordinate a questo principio, così come gli sforzi di sostegno della Fondazione privata UNIQA e delle compagnie assicurative UNIQA".

Anche Hannes Kinigadner ha detto la sua durante la conferenza di apertura. Ha avuto un incidente nel 2002 e ora si allena personalmente con l'esoscheletro. Sa per esperienza personale: "Chi si trova in una situazione così sfortunata, ha bisogno di tutto il sostegno possibile, sia che si tratti di un aiuto personale che tecnico. È molto importante che noi, come società, utilizziamo le conoscenze tecnologiche che abbiamo acquisito per restituire alle persone colpite la loro autonomia".

"La riabilitazione neurologica senza soluzione di continuità è di importanza cruciale".

Secondo Lackner, l'Austria ha un eccellente programma di riabilitazione acuta ospedaliera. Tuttavia, la necessità di riabilitazione ambulatoriale sta aumentando rapidamente. "I vantaggi sono evidenti: meno ricoveri, un trattamento più efficace per i pazienti e un'alternativa più conveniente per il settore pubblico". Dopo gravi malattie neurologiche, la riabilitazione neurologica senza soluzione di continuità è di fondamentale importanza. Questa opzione è generalmente disponibile nel settore ospedaliero in Austria. Di norma, i pazienti ricevono un posto di riabilitazione in Austria dopo un soggiorno in una clinica per acuti.

Tuttavia, la riabilitazione ospedaliera di solito termina dopo uno o due mesi. Tuttavia, la neuroplasticità, ossia i meccanismi che possono essere utilizzati per riapprendere le funzioni perse dopo un ictus, si estende per un periodo che va da sei mesi a due anni. Durante questo periodo, è possibile fare ulteriori progressi con le funzioni perse. È quindi particolarmente importante consentire programmi di riabilitazione ambulatoriale aggiuntivi e garantire ai pazienti una terapia senza soluzione di continuità.

Costi a 135 euro grazie agli sponsor

Per rendere questa forma di terapia disponibile al maggior numero possibile di persone, il sostegno di numerosi sponsor è attualmente di grande importanza, in quanto rendono possibili questi programmi in primo luogo. "Grazie ai nostri sponsor, questa forma di terapia costa solo 135 euro, di cui altri 55 euro sono rimborsati dall'assicurazione sanitaria. Se volessi fare la stessa terapia negli Stati Uniti, costerebbe tre volte tanto", spiega Demblin.

Un altro aspetto importante che stava a cuore al fondatore è il fatto che lui e il suo team non hanno deliberatamente creato un ambiente clinico, come avviene di solito per le terapie. In questi ambienti, le persone spesso sentono di perdere la loro autonomia. "Qui, valorizziamo un'atmosfera piacevole, più paragonabile a quella di un centro benessere o di fitness. I pazienti che ci hanno già visitato hanno risposto in modo estremamente positivo e si sentono molto a loro agio qui".

Futuro possibile: esoscheletri al posto delle sedie a rotelle

Gregor Demblin ha concluso: "Il nostro obiettivo è di trattare 500 pazienti all'anno qui durante la fase di espansione. Si tratta di 500 destini che idealmente avranno una vita migliore. Il secondo obiettivo è far progredire la tecnologia. Siamo probabilmente l'unica struttura al mondo che offre ai produttori l'opportunità di testare i loro dispositivi come prototipi. Questo è un aspetto che vorremmo ampliare in futuro. E la mia speranza è che un giorno vedremo esoscheletri al posto delle sedie a rotelle, e l'immagine di opzioni terapeutiche limitate scomparirà".

Tom Illauer

Tutti i contributi di: 
it_ITItalian